Nicola Pini

Età: 33 anni

Ruolo politico: Gran Consigliere e Vicepresidente PLRT

 

 

Qual è il suo primo ricordo della RSI?

I mondiali di calcio del 1994, partita di esordio, Stati Uniti – Svizzera, 1 a 1, goal rossocrociato di George Bregy su posizione, Sergio Ostinelli alla telecronaca.

Quali sono i programmi che hanno lasciato un segno in lei?

Reporter di Leandro Manfrini, e non solo perché vi ho incentrato la mia tesi universitaria in storia. In generale apprezzo l’approfondimento informativo, ancora oggi un punto forte del servizio pubblico radiotelevisivo.

Ha un personaggio, un volto o una voce della RSI a cui è particolarmente affezionato?

Tiziana Mona, la prima donna in Europa a presentare alla televisione una trasmissione informativa a larga diffusione (il Telegiornale): ciò avvenne, curiosamente, nel 1967, quando ancora le donne non avevano diritto di voto.

Quali sono i suoi programmi preferiti attualmente?

La fascia informativa del mattino: il radiogiornale, solitamente breve e completo, seguito da Modem, bel momento di confronto o approfondimento. Un’ora che da sola giustificherebbe il servizio pubblico.

Perché a suo parere l’iniziativa per l’abolizione del canone radiotelevisivo deve essere respinta?

Perché nel tempo delle “fake news” la società ha più che mai bisogno di un’informazione seria, approfondita, contestualizzata e il più possibile sopra le parti.

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial