Lucio Bizzini

Professione: Calciatore

Età: 69 anni

 

Qual è il suo primo ricordo della RSI?
Le partite della domenica pomeriggio alla Radio, e per la televisone, Sapporo 72, alzarsi presto la mattina e vedere vincere Russi , Nadig e le 10 medaglie svizzere….

Quali sono i programmi che hanno lasciato un segno in lei? 
Ne citerei due che fanno parte della storia televisiva e della mia generazione:
Il Regionale, rivisto poi anche più recentemente, testimonianze preziose per la Svizzera Italiana tutta;
Riuniti per Natale, la visita agli emigranti ticinesi, storie di fatiche e speranze, raccontate da Dario Bertoni

Ha un personaggio, un volto o una voce della RSI a cui è particolarmente affezionato?
Le voci inconfondibili dei commentatori sportivi di un tempo e di quelli di adesso, competenti e appassionati. In particolare il maestro di tutti, Giuseppe Albertini.

Quali sono i suoi programmi preferiti attualmente? 
Patti Chiari, Sport Non Stop, Il Telegiornale, Zerovero, Paganini

Perché a suo parere l’iniziativa per l’abolizione del canone radiotelevisivo deve essere respinta?
Il mantenimento di un servizio pubblico di radiotelevisione in Svizzera è essenziale per la coesione nazionale tra le differenti regioni linguistiche e culturali del nostro Paese, e garantisce la pluralità delle opinioni, elemento essenziale di ogni democrazia. Basta vedere come sono le televisioni private : pubblicità ad oltranza, sport a pagamento, assenza di dibattiti, abbandono di qualsiasi giornalismo di indagine indipendente.

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial