Giovanni Merlini

Professione: avvocato e notaio

Età: 55 anni

Ruolo politico: Consigliere nazionale

 

 

 

Qual è il suo primo ricordo della RSI?

I lungometraggi in cinemascope del sabato sera durante gli anni ’60 e i primi anni ’70, ancora in bianco e nero.

Quali sono i programmi che hanno lasciato un segno in lei?

Documentari e approfondimenti o inchieste su temi specifici.

Ha un personaggio, un volto o una voce della RSI a cui è particolarmente affezionato?

La voce per antonomasia, indimenticabile: quella di Mario Casanova che leggeva i notiziari dell’ATS e fu l’unico corrispondente parlamentare di lingua italiana da Berna dal 1946 per ca. un ventennio.

Quali sono i suoi programmi preferiti attualmente?

“Il filo della storia”, “Micromacro”, “Falò” e l’informazione.

Perché a suo parere l’iniziativa per l’abolizione del canone radiotelevisivo deve essere respinta?

Il mercato della Svizzera italiana è troppo esiguo per consentire, senza il contributo proveniente dal canone radiotelevisivo, un’offerta privata di buona qualità che tenga conto dei criteri del servizio pubblico definito dalla LRTV e dai mandati di prestazione e che garantisca quindi programmi equiparabili a quelli oggi offerti dalla RSI. L’approvazione dell’iniziativa spianerebbe la strada alle televisioni commerciali estere che si limiterebbero a proporre intrattenimento e pubblicità, senza programmi di informazione e di approfondimento attenti ad un sano pluralismo.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial